martedì 15 aprile 2008

Di nuovo in corsia veloce - Back in the fast lane

Come molti di voi avranno letto, il caro Steve Williams di Scooter in the Sticks ha preso la decisione di fermare il proprio blog, suscitando il disappunto in molti altri blogger ed appassionati lettori. Anche io, in prima battuta, sono rimasto disorientato dall'improvvisa decisione, specialmente ora che ai post sulla Vespa si affiancava il suo progetto fotografico.
Come sempre, dopo il primo impatto il raziocinio ha prevalso sull'impulsivita'; ho letto i numerosi e da me pronosticati commenti, ho letto post che riportavano la notizia su blog di amici e colleghi motociclisti, finche' sono arrivato a trarre una conclusione: tutti noi dobbiamo fare del nostro meglio. Non e' bloggando come appendici di Steve che creiamo qualcosa di unico, bensi' sviluppando ciascuno la propria individualita', aggiungendo il proprio contributo al consistente mondo dello scootering e del motociclismo appassionato. Dobbiamo dimostrare di poter camminare sulle nostre gambe, o meglio, correre sulle nostre ruote, e far si' che i nostri lettori possano trovare in tutti noi quello che noi per primi abbiamo trovato in Scooter in the Sticks: un buon esempio di blogging, di approccio al mondo che ci circonda, di professionalita' giornalistica, di fotografia e composizione.
Per quel che mi riguarda il mio rapporto con la Vespa e' prima di tutto utilitario anche se la pura passione viaggia di pari passo, per cui non c'e' altra scelta: devo andare. Non posso decidere se fare la solita strada o deviare per i campi, non posso scegliere di prendere l'auto a meno che non si tratti di un bisogno serio poiche' la sottrarrei a casa mia. Devo andare. E vengo ripagato da giornate che si fanno sempre piu' belle, la luce tra i pini mi costringe a fermarmi. Devo andare. Devo incamminarmi nuovamente sulla corsia veloce, fermarmi nel traffico a fare rifornimento, ma la tentazione di scattare una foto e' sempre presente, e la fabbrica fa parte del paesaggio.
Non vivo "in the sticks", ma in un bizzarro paesaggio ibrido tra il parco naturale e l'acciaieria, tra la campagna toscana ed il traffico cittadino. Il mio contributo puo' essere piacevole, e Steve mi ha insegnato una cosa: condividere una passione genera passione.
Avanti, amici, c'e' bisogno di tutti noi!
-
As many of you have surely read, our dear Steve Williams of Scooter in the Sticks took the decision to stop his blog, causing disappointment in many other bloggers and passionate readers. Me too, at first, was bewildered by this decision, especially now that his Vespa posts were alternated with his photographic project.
As usual, after the first impact sense prevailed over feelings; I read the many comments I imagined to read, I read posts that reported these news on friends and colleagues bikers' blogs, until I drawed a conclusion: we all must do our best. It's not blogging as Steve's appendices that we create something unique, but developing our individuality, adding our substantial contribution to the world of scootering and passionate motorcycling. We must show we can walk on our legs, or better, ride on our wheels, and make sure that our readers can find in all of us what we first found in Scooter in the Sticks: a good example of blogging, approach to the world around us, professional journalism, photography and design. As for me, I mainly relay on my Vespa on an utilitarian basis although walkin' hand in hand with pure passion, so there's no choice: I have to go. I can't decide whether to ride the usual road or divert through the fields, I can't choose to take the car unless it is a serious need because I'd steal it from my family. I have to go. And I am paid back by days that are becoming nicer everyday, and the light among the pines forces me to stop. I have to go. I have to ride again along the fast lane, stop beside the traffic to refuel, but the temptation to take a picture is always there and the factory is part of the landscape.
I don't live "in the sticks", but in a bizarre hybrid landscape between the natural park and the steel plant, among the Tuscan countryside and the city traffic. My contribution can be nice, and Steve taught me one thing: sharing a passion generates passion.
C'mon, friends, we're needed!

9 commenti:

  1. Carry the torch my friend. Fire the passion. We will make Steve proud he has influenced us. Great Post!

    Ronman

    RispondiElimina
  2. thanks Ronman, spread the word and keep the throttle open!
    Let's encourage one another, and we'll get a bike blogs heaven!

    godspeed

    Ale-

    RispondiElimina
  3. ...per quel che mi riguarda il mio rapporto con la Vespa è nato da tanti sentimenti...passione, entusiasmo, ammirazione...fascino...amore per le realtà passate, irripetibili...non ho fatto ancora molti km, ma ho tanti progetti e,oramai, non m'interrogo più sulle mete da raggiungere, penso al viaggio, niente di più!
    La mia passione si fortifica attraverso il desiderio di poter arrivare ovunque con lei...la condivisione è importante perchè aiuta a sconfinare, aiuta a pensare di poter arrivare oltre, se altri, già, l'hanno fatto.
    Questo spazio è davvero molto bello...le foto, la musica...
    Il week-end qui sarà brutto,cielo coperto...speriamo in tempi migliori!!!!!!

    RispondiElimina
  4. This post says it all. Share the passion, and passion will follow.

    Have fun,
    Bill

    RispondiElimina
  5. Camilla: grazie mille. spero di poter leggere presto anche un tuo blog! a presto.

    Billy: thanks very much and keep up your good work as well!

    RispondiElimina
  6. Ciao, ho scoperto il tuo blog in un commento a Scooter in the sticks...che non frequentavo da tempo. L'ultima volta che avevo controllato ero io l'unico italiano...e chi ti trovo??? Un livornese!!! io sono pisano, ma vivo a bruxelles...anch'io nel blog parlo di motociclismo e politica, ma mai mischiando le due cose...

    ora che ti ho scoperto ti leggo per bene.

    RispondiElimina
  7. ciao Demonio, benvenuto tra i lettori.
    anche se sei pisano... ;-PPPPP
    Steve ci manca un po',ma ci si da' da fare. a presto!

    RispondiElimina
  8. So well said! Certainly Steve will be missed, but he has a lot of apostles like us to carry on. Thanks for the motivation.

    RispondiElimina
  9. pure truth, my east coast friends.
    we got to spread the word and above all enjoy the ride. that's theonly point, to me.
    the day I lose interest in riding is the day I'll stop bloggin'about it.

    godspeed!

    RispondiElimina