giovedì 22 luglio 2010

Guard-rail assassini - Killer guard-rails


Ha dell'incredibile. Avevo riportato la pericolosità di alcune nuove rotatorie a Piombino, specialmente per i motociclisti, da appena poche settimane che sono spuntati come dal cilindro del mago quelli che non avrei voluto mai e poi mai vedere: i guard-rail più perversi che mente umana possa immaginare. Probabilmente (anzi, sicuramente direi) chi progetta questi orrori viari non solo non va in moto ma non ha nemmeno la più pallida idea di cosa implichi circolare su due ruote.
Ormai sono anni che gira questo logo più che lampante per sensibilizzare le amministrazioni nei confronti dell'utenza motociclistica. Per farla breve: se un motociclista cade (specialmente su queste rotatorie con pendenza a rovescio), nell'ordine:
  • ci infila sotto
  • picchia violentemente sui pali di sostegno
  • ci rimane incastrato, spesso con la parte del corpo più consistente: la testa! (per via del casco)
c'è un caso di un motociclista che ci si è letteralmente decapitato.
Non mi dilungo poi su misure, bello o brutto, l'inutilità di metterli anche all'interno curva, costi o normativa.
Questi guard-rail sono pericolosi e vanno protetti. Chi viaggia su due ruote, non trovandosi all'interno di gabbie metalliche con roll-bar, rinforzi, air-bag e cinture, si meriterebbe un occhio di riguardo, non l'indifferenza.
E' del tutto personale, poi: sono orripilanti. Che bisogno c'era di farli alti un metro e mezzo? Meglio vedere la fabbrica, almeno ha una dignità storica.

 
Incredible. I just finished a few weeks ago reporting how dangerous were some new roundabouts in Piombino, expecially for riders, when something I would never like to see emerged from the topper: the most perverse guard-rails that human mind could ever imagine. Probably (almost surely, I'd say) those who design these street horrors not only don't ride at all, but neither imagine what's the clue of two wheels riding.
This logo has spread for years, now, and it's utterly useful to make administrations aware of the riders' dangers. Being brief: if a rider falls (especially over these roundabouts built with reversed gradients, he can:
  • slide under them
  • hardly hit the support stakes
  • jam in it, especially locking his head which, because of the helmet, is the widest and most stiff part of the body.
once, a biker was literally beheaded.
I don't dwell on measures, beautiful or ugly, the uselessness of raising them on the inside of a bend, costs or laws.
These guard-rails are dangerous and must be protected. Two wheels rider don't ride inside a metallic cage with roll bars, reinforcements, air-bags and seat belts, and they'd deserve a special attention instead of indifference.
Personally, then: they're awful. Did they really need to make them five feet tall? I prefer the sight of the steel plant. At least, it has historical dignity.

Nessun commento:

Posta un commento