mercoledì 2 novembre 2016

Urge for going



I get the urge for going
When the meadow grass is turning brown
                                       [Joni Mitchell]

Questo nuovo lavoro, questo rimettersi in moto ogni mattina all'alba, percorrere strade trafficate o eluderle attraverso strette strade di campagna, tutto questo mi mette la smania di andare. Come in quella vecchia canzone di Joni Mitchell: l'urgenza di andare quando l'erba del prato inizia a diventare marrone. In questo autunno che stenta a scoppiare, con questo lavoro che con tutte le previsioni terminerà entro la fine di novembre e con il maestoso albero di ginkgo accanto al quale passo ogni giorno che resta ostinatamente verde, l'unica certezza è la strada che scorre sotto alle ruote. Una gioia rinnovata che ancora scricchiola nel rimettersi in forma. E le soste per scattare una foto, nella luce debole del mattino, o le ore di buco in cui potersi fermare per un caffè, a scrivere o leggere un buon libro, sono come scene da un film che da tempo volevo vedere.
Non si paga neanche il biglietto.
This new job, this cranking the scooter every morning at dawn, rolling through busy roads or eluding them through narrow coutry roads, all this makes me feel the urge for going. Just like that old Joni Mitchell's song: the urge for going when the meadow grass is turning brown. In this fall which struggles to burst, with this job which will probably end within the end of November and with the majestic ginkgo tree I pass by everyday staying stubbornly green, the only truth is the road flowing under the wheels. A renewed joy which still creaks while restoring its energy. And the stops to shoot a picture, in the feeble morning light, or the free hours spent enjoying a cup of coffee and writing or reading a good book, are scenes from a movie I was longing to watch.
You don't even have to pay for it.

Nessun commento:

Posta un commento