giovedì 26 settembre 2013

La differenza tra revisione e furto


La revisione. Già, ogni due anni occorre farla, non c'è scampo. E alla scadenza l'officina autorizzata compie i soliti due o tre controlli di routine, inutili nel mio caso perché comunque eseguo periodicamente una manutenzione accurata, ma assolutamente necessari agli occhi del ministero dei trasporti.
Ma essendomi trasferito, di fatto non ho più un'officina di riferimento. C'è un'officina a due passi da casa che fa le revisioni, lo leggo sull'insegna e per riprova c'è scritto anche sul loro sito. Porto la Vespa, assicurato da uno di loro che l'avrebbero fatta al momento ma mi tocca lasciarla perché invece la seconda persona con cui parlo trova la cosa impossibile. "Per le revisioni il mezzo va lasciato, in genere una giornata" mi dice. Vabbè. Mi faccio la strada a piedi per tornare a casa dopo aver lasciato il numero di telefono per farmi richiamare non appena è pronta.
La sera non avendo sentito nessuno chiamo io e mi dicono che la posso ritirare. Bene, come se non l'avessero saputo che mi serviva.
Vado a ritirarla e il simpatico meccanico mi chiede cento euro.
Cento.
Ora, dovete sapere che il prezzo delle revisioni è fissato dal ministero per una somma che supera di pochi spiccioli i sessantacinque euro. Trentacinque euro di differenza non sono mica pochi, quindi chiedo se la Vespa avesse qualcosa che non andava, visto che il prezzo ministeriale è al netto di interventi eventuali.
"Hanno messo un po' d'additivo, perché passasse regolarmente il controllo dei gas di scarico".
Trentacinque euro di additivo, penso io, dev'essere stato un ettolitro; ma si sa com'è: se la lasci, non hai chiesto un preventivo e loro ti chiedono una cifra poi devi pagare.
Fortuna che ho il bancomat, penso, così perlomeno ci pagano le tasse. Quindi pago col bancomat e me ne vado, a posto per altri due anni.
Poi, a casa, un dubbio mi assale: ma non è che la portano da qualcun altro?
Controllo sul portale dell'automobilista e cosa scopro? Non sono officina autorizzata. Insomma, il servizio "revisioni" lo fanno, ma non personalmente. Quindi nei cento euro c'è il prezzo ministeriale e la differenza va a loro che fisicamente prendono la Vespa, la portano a un'officina autorizzata, fanno fare la revisione e la riportano indietro. Mica possono farlo gratis.
Stupido io che non ho controllato prima ma del resto se leggo "revisioni" penso che le facciano e non mi pongo troppe domande.
Il bello sapete qual è?
L'officina che fa le revisioni, quella autorizzata dico, è nella stessa via a circa cento metri di distanza.
Cento.
D'altra parte me lo merito.

Nessun commento:

Posta un commento